ANPAN

Associazione Nazionale Personale Aero Navigante

RAPPORTO IATA: RUSSIA PAESE PIU' PERICOLOSO PER VOLARE

18/04/2007

Londra, 17 aprile (Reuters) - La Russia rimane il paese più pericoloso in cui volare nonostante i miglioramenti compiuti di recente abbiano fatto del 2006 l'anno più sicuro nella storia del suo traffico aereo. Lo ha riferito oggi l'Associazione internazionale per il trasporto aereo (Iata).



Secondo i dati Iata, in Russia e in altri stati ex sovietici membri dell'odierna Federazione di stati indipendenti si sono verificati un numero di incidenti 13 volte superiore alla media mondiale.

Nota positiva del rapporto annuale presentato dall'associazione di Ginevra è rappresentata dai miglioramenti dei dati provenienti dall'Africa, che hanno contribuito a far diminuire il numero totale di incidenti, passati dai 111 del 2005 ai 77 del 2006.



La media degli incidenti di una certa gravità avvenuti ad aerei fabbricati in Occidente è stata di 0,65 ogni milione di voli, il che significa un incidente ogni 1,5 milioni di voli.


Nella Federazione russa la media è stata pari a 8,6 incidenti ogni milione di voli, pari a due volte quella africana, dove la media è migliorata notevolmente, passando da 9,2 incidenti ogni milione di voli a 4,31.


Il direttore generale della Iata, Giovanni Bisignani, ha detto che la crescita del 5-6% prevista per il settore del trasporto aereo dovrebbe spingere le compagnie a migliorare ulteriormente la sicurezza dei voli.



"I risultati sulla sicurezza del 2006 sono impressionanti. Il trasporto aereo rimane la forma più sicura di viaggiare", ha detto Bisignani. La classifica degli incidenti compilata da Iata si focalizza solo su quegli incidenti che comportano la perdita definitiva degli aerei (total loss).


Il maltempo, la carenza di comunicazione e i difetti nell'addestramento del personale di bordo rimangono le cause più frequenti degli incidenti. Iata, che rappresenta circa 250 compagnie responsabili del 90% del traffico totale dei cieli, promuove la sicurezza dei velivoli attraverso dei programmi fatti per aiutare le compagnie ad adottare determinati standard e procedure di sicurezza.



Il rapporto di quest'anno ha sottolineato anche la necessità di rafforzare la sicurezza del trasporto merci via aereo che, pur rappresentando solo il 4% del traffico totale, ha fatto registrare il 24% degli incidenti.